La delicatezza del saper tradurre: perché affidarsi ad un’agenzia di traduttori professionisti

agenzia traduttori Milano

La grande importanza di affidare un testo ad un’agenzia di traduttori professionisti: gli “scivoloni” d’autore rimasti nella storia.
Scopri la nostra agenzia di traduttori a Milano: Vai al nostro settore traduzione testi

L’arte della traduzione – intro all’articolo

Riprendiamo un vecchio articolo del Corriere della Sera, datato 1996 e intitolato: “Traduzioni: il museo degli errori” che affronta i diversi ostacoli in cui dei traduttori si possono imbattere nel migrare i significati da una lingua ad un’altra.

In questo scritto si comprende la grande responsabilità del traduttore, sempre all’erta nel riconoscere i vari ostacoli nel cammino della migrazione dei significati.
Gli errori sono sempre dietro l’angolo e non sono (solo) concettuali, ma piuttosto culturalmente dipesi, dove l’errore di forma si allarga e diviene una vera e propria gaffe d’autore che, se non presa in tempo, farà il giro del mondo.

Ecco l’articolo di Cinzia Fiori, fonte “Corriere della Sera” Traduzioni: il museo degli errori

Errare è umano. E se la regola vale per i migliori traduttori di testi letterali, figuriamoci per chi scrive un articolo sulle sviste altrui. I superstiziosi toccherebbero ferro, sperando di non incorrere nella sorte di quel traduttore tedesco, che dopo aver pubblicato la stessa espressione, se la vide tradurre in <>. Gli accadde perché in tedesco <<toccare ferro>> si dice <<abbattere legno>> e da <> a <> per un traduttore che non riconosca la figura retorica il passo è breve. Sono cose che succedono quando si lavora per pochi soldi e contro il tempo, con il telefono rovente forza di chiedere consulenze.” (…) “Ma non bisogna farsi illusioni: anche gli scrittori sbagliano. Lo stesso Paolo Collo, che per Einaudi rivede le traduzioni, confessa di aver più volte telefonato per dire timidamente: <<scusi, mi sembra che qui ci sia una strana interpretazione…>>. Perfino Cesare Pavese traducendo nel ’32 Riso Amaro di Sherwood Anderson (Feltrinelli), scrisse di due amanti che, dopo un romantico pasto, si concedevano due quarti di Whisky Marca Luna del Kentucky. Non sapeva, Pavese, che in America <>, anziché un nome commerciale, sta ad indicare il Whisky distillato clandestinamente, quello di contrabbando insomma. Oggi le chiamano difficoltà transculturali e insorgono quando poco si conosce la coltura di origine: l’America, durante la guerra, era una terra remota anche per Pavese”.

I significati letterali e contestuali: le difficoltà di traduzione

L’articolo prosegue affrontando altri inciampi, questa volta ancora più duri: sono frasi che devono tenere conto del senso di quantità e unità di misura che differisce per le diverse popolazioni.
Oppure di vocaboli che adottano un significato specifico in base alla loro fruizione.

L’articolo continua così: “In tanti romanzi gialli, tradotti dall’inglese, a un certo punto i protagonisti prendono il cappotto e scendono <<giù>> in città. Come se tutti abitassero a San Francisco. In realtà vanno in centro che, per un accidente della sorte, in inglese si dice <> (alla lettera “giù”) <> (città). Meglio non pensarci, altrimenti viene il mal di testa e allora, come ogni detective americano che si rispetti, bisognerebbe prendere un paio di aspirine e andare a letto. Ma due aspirine oggi, due domani, finiremo per chiederci come mai noi abbiamo l’ulcera e i detective no.
Semplice: un paio di aspirine italiane contiene una quantità di acido acetilsalicilico doppia rispetto alle americane. Per la salute pubblica, scherza Franco Buffoni, direttore di Testo a fronte- sarebbe consigliabile tradurre <un’aspirina>>.”

L’importanza della conoscenza della cultura per tradurre qualsiasi lingua

Oggi questo genere di errori è sempre meno frequente poiché i traduttori viaggiano sempre di più. Semmai il problema- dice ancora Buffoni – riguarda la qualità del loro italiano>>. Insomma, conoscere bene l’inglese o il cinese non basta. Anche perché potrebbe succedere come a quel computer dotato di sofisticatissimo programma di traduzione che rese <> , ossia il celebre <> nella fondata ma folle traduzione di  <> . E’ solo un aneddoto? Certo. Ma è invece accaduto davvero che in una poesia d’amore scritta da Empson, “Missing date” ossia “Occasioni perdute” sia stato tradotto in “datteri mancanti”. Meglio o peggio di chi per eccesso di zelo trasformò la sinfonia Jupiter di Mozart in sinfonia Giove?”

Quando il discorso non fila, non bisogna farlo filare…

L’articolo poi prosegue e s’infittisce di possibili tranelli, ma uno dei tanti di cui vale la pena soffermarsi è quello che si chiama: forzatura, riferito a traduzioni che devono in qualche modo ‘’tornare’’. E’ assai frequente che gli idiomi abbiano frasi originali proprie, comprensibili solo nella propria cultura, difficili quindi da tradurre in modo preciso. E’ il caso di motti, detti o slogan che utilizzano spesso metafore per enfatizzare un significato. Anche in questo caso è necessario che il traduttore sia a conoscenza di queste frasi tranello e non le riporti tramutando in frasi letterali per la sua lingua.

Conclusioni? Affidarsi a soli traduttori professionisti

Scopri la nostra agenzia di traduttori a Milano: Vai al nostro settore traduzione testi

Avrete capito come il passaggio di traduzione da una lingua all’altra non sia affatto automatizzato! E’ ormai evidente come moltissimi programmi di traduzione stile Trados facilitino la traduzione di frasi e concetti uniformando il testo e proteggendo i traduttori da errori di vario genere. Ma anche agli albori del 2020 i computer possono solo che aiutare il professionista senza mai sostituire il suo intelletto. Perché? Ebbene, vi è un elemento imprescindibile e proprio dell’essere umano che nessuna macchina potrà mai replicare: l’esperienza personale. Ogni esperienza è unica e insostituibile per l’uomo ed è il motore che arricchisce ogni bagaglio culturale. Grazie all’esperienza, il traduttore potrà far affiorare il proprio stile personale, dando così maggior valore ai risultati, partorendo una traduzione unica, curata e originale che nessuna macchina potrà mai riprodurre.

SB Servizi: un’agenzia di traduzioni a Milano

Ogni traduttore di SB Servizi s’impegna a svolgere il proprio lavoro come un artigiano, redigendo i testi con precisione e stile. Tutti i nostri traduttori sono specializzati in vari campi d’azione: SB Servizi non sceglie solo il professionista più adatto, ma affianca la traduzione in ogni suo passaggio essenziale garantendo qualità degli scritti e unicità del lavoro. Vuoi un preventivo per una traduzione di documenti: vieni a trovarci o spedisci i tuoi documenti. Ci trovi a Milano in via Plinio, 47.
Scopri tutti i nostri servizi su: www.sbservizi.com